EDILIZIA SPECIALISTICA

Sin dai nostri albori, ci impegniamo ad offrire ai nostri clienti le soluzioni migliori nel settore del restauro e delle ristrutturazioni, in quello delle nuove costruzioni chiavi in mano, sia abitative che industriali, nei servizi continuativi manutenzione e assistenza per la cura degli edifici.
Il nostro impegno è volto a garantire sempre una perfetta armonia tra eleganza, sicurezza e innovazione, forti della professionalità acquisita in decenni di esperienza da un team ormai consolidato e da un’affidabile rete di partner. Con questa esperienza, ci poniamo come impresa edile di riferimento nel territorio italiano ed europeo, anche a supporto di altre aziende edili e impiantistiche.

Da qualche anno, inoltre, investiamo sull'edilizia speciale attraverso la formazione e l'acquisizione di nuove tecniche di lavoro.
Grazie alla partnership con aziende specializzate e alla collaborazione con maestranze locali offriamo ai nostri clienti soluzioni efficaci e innovative, in grado di conciliare qualità e sicurezza, testimoniando quotidianamente con umiltà e orgoglio, l’impronta dei nostri valori.

Tra le lavorazioni speciali indichiamo le soluzioni migliori utili a impreziosire e ottimizzare facciate e superfici.
L’opera architettonica non è soltanto l’oggetto, ma anche quello che lo circonda e i vuoti, gli spazi.

Oscar Niemeyer

Facciate Ventilate


Per facciata ventilata s’intende comunemente una struttura, messa in opera a secco, realizzata per rivestire una superficie verticale esterna.
L’intercapedine tra il rivestimento e la parete è progettata in modo tale che l’aria, in essa presente, possa fluire per effetto camino in modo naturale, a seconda delle stagioni e delle ore del giorno, al fine di migliorarne le prestazioni termo-energetiche complessive.
Le facciate ventilate permettono sia di soddisfare esigenze estetiche sia di perseguire obiettivi di qualità come maggior confort abitativo e durabilità dell’opera architettonica. Infatti le infinite soluzioni e scelte di colori e materiali per il rivestimento concedono al progettista piena libertà d’espressione; mentre caratteristiche tecniche quali la protezione dall’acqua meteorica e dai raggi solari, la traspirabilità della parete e la ventilazione presente nell’intercapedine conferiscono all’edificio importanti requisiti qualitativi.

Isolamento acustico

La facciata ventilata favorisce un maggior assorbimento del rumore rispetto ad una normale parete perimetrale intonacata, in quanto è costituita da più strati di caratteristiche fi siche diverse in grado di non vibrare assieme e va a realizzare un paramento sostanzialmente continuo in grado di ostacolare la creazione di ponti acustici.Una corretta scelta dei materiali di rivestimento e di coibentazione assieme ad una corretta progettazione del tamponamento di chiusura possono pertanto conferire al fabbricato un grado elevato di isolamento acustico oltre che termico.

Schermatura all’acqua meteorica

La camera d’aria presente tra il rivestimento e il supporto edilizio (o la coibentazione termica ove presente) ne garantisce e facilita la naturale fuoriuscita dei vapori. La facciata ventilata garantisce, inoltre, il ruscellamento dell’acqua meteorica evitando il contatto con il supporto edilizio retrostante. Così facendo si mantengono asciutti sia i muri perimetrali sia i pannelli di coibente, in condizioni ideali per l’isolamento e la conservazione nel tempo dell’opera.

Isolamento termico

Il rivestimento riduce considerevolmente gli effetti dell’irraggiamento estivo per semplice rifl essione, mentre l’aria presente nell’intercapedine partecipa all’azione isolante grazie al suo ridotto coeffi ciente di trasmissione del calore. Si ottiene pertanto un’elevata inerzia termica con essenzialmente due effetti positivi:
- sfasamento e riduzione d’ampiezza dell’onda di calore, in condizioni estive: il calore penetra all’interno dell’alloggio in forma ridotta e in ore in cui la temperatura ambiente è meno elevata;
- aumento del tempo di raffreddamento della parete in condizioni invernali.

Progettazione

La progettazione costruttiva della facciata ventilata presuppone un preciso iter operativo condotto da tecnici qualifi cati, funzionale alla risoluzione di tutte le problematiche di esecuzione relativi al sistema costruttivo scelto ed alla correlazione dello stesso con gli altri elementi presenti in facciata (serramenti, elementi a sbalzo, lesene, marcapiani, coperture, ecc.),

• analisi degli elaborati grafici del progetto in appalto;
• rilievo preciso e restituzione grafica della costruzione;
• rielaborazione dei prospetti dell’edificio sulla base delle informazioni desunte dai disegni di progetto e dalla restituzione grafica della costruzione;
• confronto con l’ufficio della Direzione Lavori per l’approvazione delle scelte progettuali adottate;
• redazione degli schemi di montaggio per le maestranze di posa;
• redazione degli elaborati grafici del progetto costruttivo dei rivestimenti e compilazione degli abachi per l’ordine dei materiali (pannelli e lastre di rivestimento, coibentazione, accessori);
• analisi statica della struttura, elaborazione degli schemi di montaggio per le maestranze e complilazione degli abachi per l’ordine dei materiali (staffe, montanti, traversi, ganci, viteria, ancoranti, accessori);
• redazione delle memorie tecniche accompagnatorie relative alla certificazione dei materiali impiegati per la realizzazione della facciata ventilata;
• eventuale relazione tecnica di calcolo strutturale per l’asseverazione della sottostruttura alle normative vigenti in materia di sicurezza statica.





Vuoi avere maggiori informazioni?

Facciate Continue


La facciata continua è una particolare tipologia di involucro leggero continuo che garantisce, di per sé o congiuntamente all'opera edilizia, tutte le funzioni normali di una parete esterna, che non porta altro carico che il peso proprio e la spinta del vento.
Questi carichi sono trasferiti alla struttura portante principale attraverso i collegamenti ai solai o ai pilastri dell'edificio.
Una tale parete di tamponamento è progettata per resistere all'infiltrazione dell'aria e dell'acqua, alle forze di vento, alle forze sismiche, oltre al citato peso proprio. In particolari casi possono essere progettate per resistere al fuoco (protezione antincendio) o per resistere a colpi esplosi da armi da fuoco (antiproiettile).
Dagli anni ‘90 la facciata continua ha assunto un ruolo che va oltre quello di semplice chiusura, ma che si pone come una sorta di “filtro selettivo” tra ambiente interno ed esterno, sviluppando soluzioni come la facciata doppia, a recupero del calore, fotovoltaica, fino ad arrivare alle facciate utilizzate come veicolo di comunicazione nei “media building”.

Protezione

Protegge gli spazi interni dell’organismo edilizio dagli agenti atmosferici.

Comfort

Regola la trasmissione dei flussi energetici tra interno ed esterno e influenza profondamente il comfort interno degli edifici.

Estetica

Collabora a determinare l’aspetto dell’edificio e le sue relazioni con l’intorno.

Progettazione

Storicamente le prime pareti di tamponamento del genere furono articolate in membra di acciaio.
I curtain wall sono oggi tipicamente disegnati con la struttura di alluminio estrusa, sebbene una nicchia di applicazioni speciali sia rappresentata dalle strutture in acciaio per le caratteristiche fisiche e meccaniche di questo materiale che permette luci più ampie grazie all'alto modulo di elasticità (3 volte superiore a quello dell'alluminio) e presenta un coefficiente di dilatazione termica più basso di alluminio e legno e molto simile a quello del vetro e del calcestruzzo armato.
La struttura metallica di montanti e traversi è generalmente riempita con vetro, che fornisce prestazioni architettoniche di ottimo livello, come pure giova alla luce ed al controllo ambientale.
Altre chiusure comuni includono: rivestimenti esteriori in mattonelle di pietra, in pannelli di metallo, in strisce distaccate di vario materiale (tipo persiana o frangisole), finestre apribili vere e proprie o bocche di ventilazione.




Vuoi avere maggiori informazioni?

Poliurea a caldo


L’impermeabilizzazione con la tecnologia della Poliurea consente di applicare una membrana elastica, sulla copertura o sul pavimento di una terrazza rendendo la superficie completamente impermeabile, senza la necessità di demolizioni, anche in presenza di geometrie complesse. L’applicazione avviene tramite l’utilizzo di speciali macchinari airless bi-mixer che spruzzano la Poliureaad una temperatura di 75° ad una pressione di 180 bar, su tutta l’area. Avendo un pot-life di 5-6 sec. una volta entrata a contatto con la superficie, forma una pellicola monolitica che rende qualsiasi superficie impermeabile e protetta. Coibentazione con schiuma Poliuretanica ed incapsulamento amianto sono altri campi d’applicazione dei nostri formulati.
La Poliurea può essere impiegata con successo in numerosi settoridell’ edilizia, industria, cantieristica navale, petrolchimica, nello specifico: impermeabilizzazione in contro spinta-tetti-solai-terrazzi-ponti-viadotti-vasche per contenimento acqua potabile-vasche ed impianti di depurazione delle acque-piscine-serbatoi per contenimento idrocarburi ed altro.

Rapidità

L'applicazione della poliurea è caratterizzata da una rapidità d'intervento e un rapido indurimento del materiale (4-12 secondi). Inoltre aderisce completamente al supporto, eliminando così eventuali camminamenti dell'acqua al di sotto della membrana.

Resistenza

Il materiale è resistente alle alte temperature e agli shock termici. Notevolmente resistente alla lacerazione, alle abrasioni e agli urti.

Impermeabilità

Totale resistenza all'acqua.

Progettazione

La poliurea viene solitamente applicata con spruzzatura diretta sulle superfici da trattare. I macchinari dedicati all’applicazione della poliurea tramite spruzzatura sono piuttosto sofisticati: questo materiale richiede, infatti, un’accurata miscelazione prima della posa sulla superficie da trattare.
La spruzzatura avviene a caldo: la poliurea viene sostanzialmente trasformata in un vapore ad alta temperatura, che verrà spruzzato su tutta la superficie da trattare.
La velocità di indurimento, attorno ai 30 secondi al tatto, rende questo materiale perfetto per l’impermeabilizzazione di superfici verticali o inclinate. La spruzzatura a caldo – vista anche la complessità dei macchinari necessari – viene effettuata da professionisti qualificati.

Compila il form per ricevere più informazioni.






Autorizzazione al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi della legge sulla privacy 675/96.